Ultime notizie
Home » Attualità » Lecce si colora di rosso ma con Dignità.
dignità

Lecce si colora di rosso ma con Dignità.

Dignità autonome di Prostituzione (Dadp) torna a Lecce ed è subito perversione e buon gusto.

 

 

“La casa chiusa è ora aperta!”, ha esordito così la direttrice del bordello più famoso d’Italia durante la prima  serata del grande ritorno salentino. Da anni, ormai, in centinaia attendono il ritorno di chi tra una lacrima e una risata unisce la perversione al buon gusto.

E’ facile lasciarsi ingannare da una vestaglia troppo corta, da un corpetto di rete, da una scollatura troppo audace. E’ facile pensare che si vedrà qualcosa di pessimo gusto. E’ facile, sì, ma tutti varcano la soglia dell’uscita dopo aver versato almeno una lacrima.

Dignità vuole nascondere la realtà dietro una faccia strafottente, vuole mentire, mascherarsi. Dignità vuole soprattutto vendersi, senza sconti per nessuno.

E’ questa la meraviglia: ognuno di loro ha una parte da recitare, poco importa se veritiera, surreale, totalmente inventata, non sarai lo stesso dopo averla ascoltata. Ognuno di loro ti prende, ti sbatte, ti frulla i sentimenti, senza nemmeno sfiorarti. Ognuno di loro è capace di sconvolgerti solo guardandoti negli occhi. Entri nelle loro vite, le vivi, piangi per loro e sorridi dei loro sorrisi. E se lo spazio è limitato le sentirai camminare addosso le sensazioni e non vorrai smettere, non vorrai mai privarti di quel piacere. E’ davvero un orgasmo. Inizia piano, le sensazioni iniziano a farsi forti, i battiti aumentano, corri, stai correndo e poi esplodi. E l’attore esplode con te, che sia in un pianto che vorresti asciugare o in una fragorosa risata che non puoi non condividere.

Dignità è così. Ci sei dentro fino al collo. Ogni anno Lecce viene invasa dal rosso e nessun angolo viene risparmiato, dal bus parcheggiato davanti all’entrata, alla salumeria, dalle onoranze funebri alla maestosa Porta Napoli.

Tutto merito del PAPI per eccellenza, il direttore  Luciano Melchionna, che porta avanti il grande bordello e con grande successo riesce sempre a stupire, dal primo all’ultimo secondo. E tutto merito di ogni singola “prostituta”, attori che non dimenticherai facilmente. Te ne innamori, li detesti perché ti fanno piangere, provi compassione, empatia. Ti immedesimi, la loro sofferenza è anche la tua.

E a fine spettacolo vorresti davvero abbracciarli tutti e ringraziarli uno ad uno. E loro lo sanno e ti aspettano all’uscita per stringerti la mano e sorriderti. Sorriso che ricorderai fino alla prossima tournée.

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Cristina Salonna

Check Also

mimprendo

Mimprendo Italia, al via la nuova edizione

Mimprendo Italia, un concorso nazionale per giovani imprenditori al fine di sviluppare nuovi progetti. L’evento …